Il nostro sito utilizza i cookie. Utilizzando il nostro sito e accettando le condizioni della presente informativa, si acconsente all'utilizzo dei cookie in conformità ai termini e alle condizioni dell’informativa stessa.

Meteo Ischia

logo prolocopanzaischia

Ischia

Indirizzo Piazza Trieste e Trento
Ischia è stato solo l'ultimo di una serie di nomi attribuiti ad essa, infatti compare per la prima volta nell'anno 813 in una lettera inviata da Papa Leone III a Carlo Magno. Il più antico nome attribuito ad Ischia fu quello di "Pithecusa." Esso possiede due possibili radici etimologiche: da una parte "Pithecos", scimmie, ad indicare dunque "l'isola delle scimmie", e dall'altra "Pithoi", che indica in greco i grandi vasi di argilla dei quali gli Eubei erano abili produttori e dunque "l'isola dei vasai." Secondo alcuni ambedue le interpretazioni possono essere valide, ma in tempi diversi. L'isola delle scimmie , abitata dai circopi (scimmie) o da indigeni dai comportamenti scimmieschi, ben lontani dai più progrediti comportamenti degli Elleni, nel periodo pre-ellenico. L'isola dei vasai, dopo la colonizzazione degli Eubei. Testimonianze lasciate da Plinio, Strabone e Ovidio descrivono il nome Pithecusa. Con l'arrivo dei Romani l'isola venne chiamata "Aenaria", poichè al riferir di Plinio, vi si rifugiò l'eroe Enea. Altri lo fanno derivare da "Oinaria", ossia luogo delle viti e del vino. Omero, Pindaro ed Esiodo chiamarono l'isola con il nome di "Arime," mentre Virgilio ed Ovidio la descrissero col nome di "Inarime," vite.


Ottieni indicazioni

Indietro

Contatti

Newsletter

Iscriviti per ricevere news su attività e iniziative della Pro Loco Panza Ischia.
Accetto Termini di utilizzo e Privacy policy