Il nostro sito utilizza i cookie. Utilizzando il nostro sito e accettando le condizioni della presente informativa, si acconsente all'utilizzo dei cookie in conformità ai termini e alle condizioni dell’informativa stessa.

Prevalentemente nuvoloso

19°C

Isola d'Ischia

Prevalentemente nuvoloso

Umidità: 69%

Vento: 6.44 km/h

logo prolocopanzaischia

  • Home
  • Cantine Pietratorcia

Cantine Pietratorcia

Cantina Pietratorcia
Indirizzo: Via Provinciale Panza, 267 - Forio
Contatti: Tel. 081908206 - 081907232
Web: www.pietratorcia.it
Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Tre antiche famiglie per un’impresa moderna
Le cantine di Pietratorcia sono state create da tre antiche famiglie contadine ischitane Iacono, Regine e Verde.
Oltre sette ettari di terreno sono stati ripiantati con vitigni selezionati che producono uve Biancolella, Forastera, Uva Rilla, Viognier, Malvasia di Candia aromatica, Fiano e Greco (per i vini bianchi); Guarnaccia, Piedirosso, Aglianico, Sirah (per i vini rossi).
Gli impianti sono curati in microzone ad alta vocazione, nell’areale di Forio e Serrara Fontana, con un’esposizione occidentale che è a dir poco straordinaria.
Oggi, dopo un lungo itinerario di formazione tecnica, recupero delle tradizioni colturali e ricerca viti-enologica, assistite in questo percorso da un’equipe di altissimo livello formatasi nel prestigioso Istituto di San Michele all’Adige, le cantine di Pietratorcia realizzano piccole produzioni di pregio con l’obiettivo di restituire all’isola d’Ischia il ruolo di produttore di eccellenza nel panorama vitivinicolo internazionale.

Il tufo verde punteggiato dalle piccole schegge brillanti dei cristalli di sanidino, riappare nei rivestimenti delle cantine costruite alla fine del 1.700. Ambienti suggestivi che ospitano fusti di acciaio e barrique in rovere, dove invecchiano le selezioni di bianchi e rossi, dove maturano gli aromi delle bottiglie di gran pregio.
Qui non sfugge allo sguardo la “pietra torcia”: un enorme, pesante masso tufaceo con tre fori (uno alla sommità e due ai lati) utilizzato, secoli addietro, per spremere le uve con un complesso sistema di funi e di leve, prima che il torchio entrasse nell’uso comune dei vignaioli isolani. Un utensile della memoria, che si identifica con la linea dei prodotti dell'azienda.

Stampa Email

Contatti

Newsletter

Iscriviti per ricevere news su attività e iniziative della Pro Loco Panza Ischia.